ITHAA

Vermentino - Colli di Luni DOC

È il vino che più rappresenta l’intensità e la profondità del terroir della tenuta. Viene prodotto solo nelle annate in cui l’uva può sostenere maturazioni importanti, senza alterare il punto di equilibrio. Si ottiene dalle vigne che nella loro maturità sono riuscite a portare negli acini sedimenti più profondi del terreno. Le uve vendemmiate ai primi di ottobre, subiscono, durante la fermentazione, la macerazione delle bucce per la durata di circa sette giorni.
Il mosto termina la fermentazione in contenitori di acciaio inox e in carati di rovere e permane “sur lie” con relativi “batonnage” per circa nove mesi.
L’imbottigliamento avviene senza filtrazione né chiarifica ed il vino così ottenuto si affina in bottiglia per nove mesi prima della vendita.

Città Sarzana
Regione italiana Liguria
Estensione totale terreni 11 ettari
Estensione vitigno IGT Liguria di Levante 1 ettaro
Terreno impastato di sabbie e limo con molto scheletro
Vitigno Vermentino 100% (viti di oltre 40 anni)
Produzione 2.500 bottiglie

Le uve, dopo la pigiadiraspatura, hanno macerato nel mosto in fermentazione per cinque giorni, alla temperatura di 25° C circa. Dopo la svinatura e la relativa pressatura delle vinacce, il mosto così ottenuto è stato reintegrato nel vino che ha terminato la fermentazione in carati di rovere da 550 l. (50%) e in vasca d’acciaio inox a temperatura controllata (13% circa).

Svolto “sur lie”, sia in vasca d’acciaio che in carato, attraverso la tecnica del “batonnage” nel maggio successivo alla vendemmia il vino è stato assemblato in vasche di acciaio inox, con tutte le proprie fecce derivanti dal “letto fermentativo”. Ai primi di luglio con un travaso di sfecciatura lo abbiamo messo in condizioni di essere imbottigliato.
Imbottigliamento
È avvenuto alla metà di luglio senza chiarifica e con una blanda filtrazione, per intaccare il meno possibile la complessa trama costituitasi nel vino, complessità che pensiamo dovrebbe ulteriormente incrementarsi nell’affinamento in bottiglia. Al momento dell’imbottigliamento le caratteristiche tecniche erano: Alcool 14,3% vol., acidità fissa 5‰, PH 3,40, estratto secco 24 q/l.

Il colore, giallo dorato e la densa limpidezza, preludono ad un vino di taglio inusuale. All’olfatto apre con leggere note riduttive che fanno da prologo, dopo qualche minuto di ossigenazione in un ampio calice, ad una esplosione di note agrumate e floreali (bergamotto, pompelmo, zagare) emergenti da un sostrato iodato. Imprimendo ampie rotazioni al calice si evidenziano note minerali che si alternano ad erbe aromatiche (timo e rosmarino) per introdurci alle sensazioni caloriche dell’uva sottospirito avvinghiata al legno di sandalo. Al palato l’ingresso è caldo e dolce, con sensazioni di polpa di pesca bianca, albicocca e sandalo che evolvono in eleganti note minerali, aprendo al tipico, per il vermentino, retrogusto amaricante. Andrà servito in calice ampio alla temperatura di 13% circa. Gli abbinamenti gastronomici possono essere: scampi alla catalana, stoccafisso in umido, baccalà alla livornese, coniglio in casseruola con olive taggiasche. Formaggi caprini di media stagionatura. Dal punto di vista stilistico Ithaa rappresenta l’esplorazione di un altro lato del vermentino dei Colli di Luni, un lato profondo e per certi versi oscuro, “The Dark Side of the Moon Wine”, talmente oscuro che appena il vino è versato nel bicchiere ci regala un’esplosione di luce.
scarica pdf
adm-LA-ghiaiaIthaa